Per ricevere ulteriori informazioni vi preghiamo di compilare il modulo qui sotto oppure di scrivere direttamente a info@ecocasavacanze.it.

*I campi indicati con l'asterisco sono obbligatori.



HOME PAGE>COSE DA VEDERE IN SICILIA>TRAPANI>ARAGONA

Aragona Agrigento

Aragona
Aragona (Raona in siciliano) è un comune italiano di 9.694 abitanti della provincia di Agrigento in Sicilia.

È nota soprattutto per le sue Macalube.

 
Storia
Il 2 agosto del 1604, si aprì a Messina il 49° Parlamento Generale Straordinario, presieduto dall' eccellentissimo viceré spagnolo Don Lorenzo Suarez de Figueroa e Cordoba. In occasione di questo Parlamento, il giovane conte del Comiso, don Baldassare III Naselli, presentò la domanda di fondazione di un nuovo villaggio da fabbricarsi nel suo feudo di Diesi. Il 6 settembre dello stesso anno la domanda del conte Naselli finiva sul tavolo del viceré Lorenzo Suarez, il quale ordinava che si facessero accertamenti sul merito. Fu come porre la prima pietra della fondazione del nuovo villaggio, che sarà chiamato come la madre del fondatore donna Beatrice Aragona Branciforti. Così con la "licentia populandi" il 6 gennaio 1606 grazie a Baldassare III Naselli nasceva Aragona.

I Naselli governarono il paese di Aragona sino al 1812 presso il Palazzo dei Principi sito in piazza Umberto I.

    Baldassare I Naselli: fu il primo dei Naselli che pose piede sul feudo Diesi, prima ancora che fosse fondata Aragona. Dimorò a lungo ad Agrigento. Gli ultimi anni li trascorse a Comiso dove morì.

    Gaspare I Naselli: figlio primogenito di Baldassare I, si trovò impigliato nelle avventure paterne fino al collo, tanto da espatriare addirittura fuori d' Italia, per sfuggire alla vendetta di alcuni nemici del padre. Finì i suoi giorni a Comiso.

    Gaspare II Naselli detto "Il Conte Rosso": figlio di Baldassare II può entrare nella storia di Aragona solo per aver sposato Beatrice Aragona Branciforti di Castelvetrano.

    Baldassare III Naselli: fu il fondatore di Aragona. Uomo molto sfortunato morì giovanissimo di malaria insieme a due dei suoi figli maschi lasciando come unico erede il figlio Luigi.

    Luigi I Naselli: visse quasi tutta la sua esistenza a Palermo dove riuscì ad ottenere il titolo di Principe di Aragona. Ammalato, vedovo e anziano si stabilì a Sciacca dove morì.

    Baldassare IV Naselli: figlio di Luigi fu l' unico principe che trascorse quasi tutta la sua vita ad Aragona. Fu lui a chiamare i Mercedari e fu lui ad invitare i Cappuccini ad Aragona e a far costruire la Chiesa e il Convento. Morì ad Aragona. Fu sepolto presso la Chiesa San Francesco d' Assisi d' Aragona e venne definito "Il padre dei poveri".

    Baldassare V Naselli: principe più illustre degli Aragonesi, nato nel palazzo locale fu il personaggio più prestigioso della famiglia e una volta nominato Presidente del Consiglio di Sicilia, fu chiamato a vivere a Napoli dove visse nella reggia come ospite del re. Morì di tumore a Parigi, ospite del re di Francia.

    Ercole Maria Naselli: sacerdote, visse gran parte della vita presso la Torre del Salto d'Angiò a pochi km da Aragona da dove se ne andò appena cadde malato.

    Baldassare VII Naselli: con questo principe siamo in pieno Ottocento. Nel 1812 finisce il Principato dei Naselli ad Aragona con l' abolizione definitiva della nobiltà. Alla sua morte avvenuta nel 1863 l'eredità passo alla sorella Marianna Naselli sposa a don Nicolò Burgio che lasciarono i possedimenti al figlio Luigi.

    Luigi Burgio Naselli: essendo sacerdote fu l'ultimo erede dei Naselli e trascorse gli ultimi anni ad Aragona. Prima di morire lasciò il Palazzo dei Principi Naselli di Aragona alle figlie della Carità che ne fecero Orfanotrofio femminile. Morì ad Aragona il 28 settembre del 1889.
 
Tradizioni e folclore

Gennaio: si festeggia Sant'Antonio Abate, con riscoperta alle antiche tradizioni, benedizione degli animali, degustazioni di prodotti tipici nel quartiere della "Furca Vò", e la conclusiva cavalcata.

Febbraio: Carnevale Aragonese, con sfilata di carri allegorici.

Marzo: si festeggia San Giuseppe Artigiano, con la processione del Santo per le vie del paese, i giochi pirotecnici e la tradizionale Tavulata.

Marzo/Aprile: Settimana Santa Aragonese. Le celebrazioni iniziano la domenica delle palme con la benedizione e il corteo nelle parrocchie. Il giovedì nella Chiesa del Carmine ha luogo la "deposizione del Cristo dalla Croce" e poi per tutta la notte la veglia e visita ai sepolcri. Il venerdì santo le celebrazioni iniziano la mattina con la processione del Nazareno e dell'Addolorata verso il Calvario dove alle ore 12,00 in punto avviene la Crocifissione del Cristo. Intorno alle ore 20,00 un'urna adornata da 4 angeli e da una palma con all'interno il Cristo morto, muove in processione per le vie del centro storico, accompagnato dalle statue dell'Addolorata, di San Giovanni e di Maria Maddalena, dalla banda musicale e dalle migliaia di fedeli. Intorno alla mezzanotte avviene la sepoltura in p.za Carmine. Ma il momento clou è la domenica di Pasqua con l' "Incontro dei Giganti" tra Gesù Risorto e la Madonna, e le giganti statue di San Pietro e San Paolo. Le 2 domeniche successive la Madonna del Rosario viene portata in processione per le vie del paese accompagnata sempre dai Santi Pietro e Paolo. La seconda domenica di Pasqua avviene la Sagra del Tagano.

Maggio: si festeggia la Madonna di Fatima, incoronata Regina di Aragona il 13 maggio 1950 dal cardinal Ruffini. La Madonna viene venerata per tutto il mese di maggio all'interno della Chiesa Madre dove i fedeli si recano a portare fiori e a sostare in preghiera. Il 13 maggio avviene la processione del venerato simulacro della Madonna di Fatima per le vie della città, e al rientro vengono esplosi i giochi pirotecnici. Legati ai festeggiamenti vi sono il "Meeting del Folklore dei bambini" e la "Rassegna corale Mariana".

Maggio/Giugno: si festeggia il Corpus Domini, con la processione Eucaristica per le vie della città.

Luglio/Agosto: Estate Aragonese, con arte, musica, teatro e le suggestive "Notti Bianche"

Agosto: la prima domenica viene festeggiata la Madonna della Mercede anticipata da una novena con la recita del SS. Rosario in dialetto strettamente aragonese e il canto "Salve Regina". La domenica conclusiva intorno alle ore 18,00 viene celebrata la Santa Messa con la benedizione degli emigranti, al termine si svolge la Processione della Madonna della Mercede per le vie della città, e al rientro vengono esplosi i giochi pirotecnici. La terza domenica viene invece festeggiato San Giovanni Bosco, con la processione Eucaristica per le vie della contrada "Serre" e i giochi pirotecnici.

Settembre: la prima domenica viene festeggiata Santa Rosalia con la processione della statua per le vie dell'omonima contrada e i giochi pirotecnici. La seconda domenica viene invece festeggiato "San Vincenzo Ferreri" che è la festa più importante del paese, dove avviene la Sagra della Salsiccia, spettacoli canori e di cabaret, la fiera del bestiame, la processione del Santo e i giochi pirotecnici che concludono l'Estate Aragonese.

Ottobre: giorno 4 viene festeggiato San Francesco d'Assisi, con la novena, la benedizione degli animali, e la processione della statua per le vie della città. La seconda domenica si festeggia invece la Madonna del Rosario che dal 1875 è la Patrona di Aragona. In suo onore si svolge la degustazione del "Pani cunzatu", momenti religiosi e di fraternità, la Processione della statua per le vie della città, la "Sagra del cuddiruni aragonese" e i giochi pirotecnici.

Novembre: il 2 vengono ricordati i fedeli defunti, i caduti nelle guerre, i caduti di Nassirya e i caduti in miniera con un corteo fino al cimitero.

Dicembre: giorno 8 si festeggia l'Immacolata con la processione per le vie del paese. Dal 16 al 24 hanno invece luogo le Nannaredde (novene di Natale).
Personalità legate ad Aragona
 L'attore e regista John Turturro e il fratello attore Nicholas Turturro (la madre era di Aragona)
    L'Onorevole Giuseppe Scalia, nativo di Aragona
    Il calciatore Vincenzo Scifo, di origini Aragonesi
    Il Vescovo Mons. Ignazio Zambito, parroco della Parrocchia Madonna del Rosario di Aragona dal 1979 al 1989
    Il giornalista Luigi Galluzzo, che lavora presso gli studi di Studio Aperto, è nativo di Aragona
    Il calciatore Pietro Zammuto che milita nel Piacenza calcio (Serie B)
    La cantante Dominique Fidanza, nativa di Bruxelles da genitori Aragonesi. Ha cantato nel gruppo musicale italiano Lollipop
    Il Compositore musicale Eugenio Di Stefano: Nacque a Raffadali nel 1825, ma in età adulta sposò Cristina Giacco e andò ad abitare ad Aragona. A lui si deve la composizione musicale dei canti funebri "Vere Filius" e "Ah si versate lacrime", quest'ultimo tipicamente Aragonese e conosciuto e cantato in tutta la Sicilia. Il maestro compose questi due brani nella sua abitazione Aragonese che si affaccia tra le vie Bellini e Pietro Novelli, nella storica zona del "Quartiere Mercede" dove ancora abita la nipote ultranovantenne, unica erede del maestro che come il nonno ha la passione della musica e suona il pianoforte. Il maestro morì ad Aragona, dove riposano le sue spoglie, il 9 gennaio 1882.

Mappa interattiva


Strutture nei dintorni
b and b
hotel
residence
Divertimento e relax
parchi divertimento
piscina
Trova nei dintorni
discoteche
ristoranti
Svuota markers Reset mappa
Ti potrebbero interessare anche: TRAPANI
Spiagge dello Zingaro
Spiagge dello Zingaro
Le Spiagge dello Zingaro di San Vito lo Capo si trovano incastonate in uno dei paesaggi più suggestivi della Sicilia, nel braccio di terra che chiude ad ovest il Golfo di Castellammare, nella Riserva Naturale omonima che si sviluppa lungo la costa per quasi 7 chilometri, in uno dei poch...
Spiaggia San Vito lo Capo
Spiaggia San Vito lo Capo
La Spiaggia di San Vito lo Capo è racchiusa in una piccola baia compresa tra la splendida Riserva Naturale dello Zingaro e la Riserva del Monte Cofano, a ridosso del Comune da cui prende il nome: rinomata località balneare pittoresca ed immersa in un contesto paesaggistico di grande effe...
Spiaggia Macari
Spiaggia Macari
La Spiaggia Macari di San Vito lo Capo è situata a metà strada tra le splendide Riserve naturali del Monte Cofano e dello Zingaro, nei pressi del piccolo borgo di pescatori omonimo a circa 4 chilometri dal capoluogo comunale. Si tratta di una bella spiaggia dal litorale sabbioso lungo e ...
La Laguna dello Stagnone
La Laguna dello Stagnone
Percorrendo la strada litoranea Trapani Marsala a circa km 20 da Trapani a circa 8 da Marsala, all'altezza del villaggio di S. Leonardo deviando sulla destra verso la Costa, si penetra in uno straordinario paesaggio disteso a livello d'acqua sopito in Una sonnolenza di millenni a luce chiara, tutto so...
Isola di San Pantaleo
Isola di San Pantaleo
L'Isola di San Pantaleo, un tempo nota come Mozia (o anche Mothia, Motya o Motye, Μοτύη in greco antico), è un'isola dello Stagnone di Marsala. Sull'isola era situata l'antica omonima città fenicia. L'isola si trova di fronte alla costa occidentale della Sicilia, ...
Spiaggia Punta Tramontana
Spiaggia Punta Tramontana
La Spiaggia Punta Tramontana di Marsala è situata nella località omonima che costituisce la delimitazione a nord dello stagnone di Marsala, area naturalistica protetta di oltre 20.000 mq.  Nell'area lagunare sono distinguibili due bacini, uno a sud più aperto verso il mare ed...
Cala Minnola di Levanzo
Cala Minnola di Levanzo
La spiaggia Cala Minnola, situata sul versante sud orientale dell'isola di Levanzo, nelle Egadi, è una suggestiva caletta raggiungibile facilmente sia a piedi, con circa 20 minuti di camminata da Cala Dogana, porto di arrivo dell'isola, sia con barca taxi, sempre da Cala Dogana. Non vi è...
Spiaggia Riserva del Belice
Spiaggia Riserva del Belice
La Spiaggia della Riserva del Belice si trova all'interno della Riserva Naturale Orientata Foce del Fiume Belice, situata a circa 12 chilometri dal comune di Castelvetrano. Al suo interno, si trovano lungo la costa suggestive formazioni dunali che hanno dato vita ad un habitat naturale per diverse spe...
Cala dei Turchi
Cala dei Turchi
Cala dei Turchi di Campobello di Mazara è facilmente raggiungibile tramite la strada costiera che da Mazara del Vallo va verso Torretta di Capo Granitola, ove bisogna fermarsi poco prima della torre di avvistamento. Si tratta di una spiaggia di sabbia e roccia, incastrata pittorescamente in una...
Ricerca: Hotel Residence B&B

Cerca per provincia
Hotel nella provincia di Agrigento Hotel nella provincia di Caltanissetta Hotel nella provincia di Catania Hotel nella provincia di Enna Hotel nella provincia di Messina Hotel nella provincia di Palermo Hotel nella provincia di Ragusa Hotel nella provincia di Siracusa Hotel nella provincia di Trapani
Agriturismo a Palermo
Camere sono fornite di servizi con doccia e aria climatizzata regolabile.Visita il sito e scopri i dettagli.
Residence sul mare a Messina
Prenota almeno 4 notti a partire dal 21 aprile, in un bilocale al costo di una singola: 36 euro a notte per 2 persone.
Hotel con Piscina Marina di Ragusa
Due piscine per immergersi in un'atmosfera serena e rilassata. Scopri le offerte.
Offerta Hotel Messina

Una Terrazza Privata con Vista sulla Baia di Canneto.

Monolocali da 60 €/giorno. 


Hotel Valderice. Tutto incluso!!
Speciale Maggio. Offerte tutto incluso a partire da 45 €. Scopri l'offerta. Visita il sito!!

Hotel sul mare a Mondello
Una villa liberty, a pochi passi dal mare ed a pochi minuti di macchina dal centro città.
Hotel a Palermo. Scopri l'offerta!
Speciale Primavera!
Soggiorni minimo 7 notti, tariffa in pensione completa: € 65,00 per notte, per persona.
Speciale Residence Sciacca
Vi offriamo 1 settimana per 2 persone con sistemazione residence a 280,00 €.
Resort Modica. Hotel Ragusa.
Primavera al Parco Archeologico di Cava Ispica. Scopri i dettagli dell'offerta.

SOCIAL

Tel. +39 348 4424285
info@ecocasavacanze.it

    
Eco Casa Vacanze - Partita IVA: 02436410845 - © 2019 Tutti i diritti sono riservati
Powered by Noto Design