Per ricevere ulteriori informazioni vi preghiamo di compilare il modulo qui sotto oppure di scrivere direttamente a info@ecocasavacanze.it.

*I campi indicati con l'asterisco sono obbligatori.



HOME PAGE>COSE DA VEDERE IN SICILIA>MESSINA>ARCHIMANDRITATO SANTISSIMO SALVATORE

Archimandritato del Santissimo Salvatore Messina

Archimandritato Santissimo Salvatore

L'Archimandritato del SS. Salvatore è la denominazione del Monastero del SS. Salvatore “in lingua phari” di Messina, importante cenobio del monachesimo italo-greco in Sicilia, assunta in seguito all'emanazione da parte del Re Ruggero II di Sicilia di un decreto del maggio del 1131 con il quale elevava il monastero a “mandra” cioè “Mater Monasteriorum” ovvero a capo di altri monasteri, e pertanto l'egumeno (abate) del monastero assumeva il titolo di Archimandrita del SS. Salvatore.

L'Archimandritato assumeva una giurisdizione su oltre 60 monasteri di tradizione italo-greca situati in Sicilia e Calabria, grazie anche ad una dote di 35 tra parrocchie e monasteri concessi dall'Arcivescovo di Messina del tempo Ugo. Infatti nell'intento del dominatore normanno vi era la necessità, più politica che religiosa, di organizzare in una grossa federazione il monachesimo bizantino italo-greco, superstite dalla dominazione bizantina in Sicilia e nel mezzogiorno della penisola italica.

Periodo Normanno-Svevo

Sin dalla sua fondazione, l'Archimandritato aveva il monastero e la chiesa in prossimità della falce del porto della città, nella penisola chiamata di San Ranieri; per la posizione strategica che l'Archimandritato assumeva nello Stretto di Messina, il Monastero era dotato di una propria flotta e di privilegi commerciali.

Il periodo della dominazione Normanna e Sveva (XI-XIV secolo) coincise con il massimo splendore, non solo religioso, ma anche culturale dell'Archimandritato; l'imperatore Federico II di Svevia, come i suoi predecessori, confermava la propria benevolenza verso il monachesimo bizantino di tradizione italo-greca.

Periodo Angioino e Regime di Commenda

La decadenza ebbe inizio nel periodo Angioino (XV sec.), tanto che il Monastero del SS. Salvatore viene posto in regime di commenda, e viene nominato come Abate commendatario il Cardinale Basilio Bessarione, artefice di un tentativo di rinascita del monachesimo bizantino in Italia. Il Cardinale Bessarione volle accompagnare, al rifiorire spirituale della tradizione italo-greca, anche la ripresa culturale dell'Archimandritato, istituendovi la prima scuola europea di greco, che vide tra i suoi primi docenti il celebre letterato Costantino Lascaris.

Per ordine dell'imperatore Carlo V nel 1546 il Monastero fu abbattuto al fine di lasciar posto alle fortificazioni spagnole a difesa della città; nel 1549 un fulmine distrusse anche la Chiesa archimandritale, completando così la costruzione del Forte del Santissimo Salvatore. Il monastero e la chiesa furono trasferiti in una nuova sede costruita dallo stesso imperatore nei pressi del Torrente Annunziata, dove oggi sorge il Museo Regionale di Messina.

Riorganizzazione e Istituzione dell'Ordine monastico di San Basilio

Il monachesimo bizantino dell'Italia meridionale, ormai nel pieno scollamento con la tradizione greca, sottoposto a soppressione di monasteri e decremento di monaci, fu riformato da Papa Gregorio XIII, che decise di salvare l'eredità della spiritualità orientale, istituendo nel 1579 la Congregazione d'Italia dei monaci basiliani, incardinando così i monaci italo-greci, che non conoscevano sino ad allora l'ordine monastico, sotto l'unico carisma del grande San Basilio di Cesarea.

Anche il Monastero del SS. Salvatore subisce l'affiliazione alla Congregazione, ma nel XVII secolo papa Urbano VIII con proprio Breve del 23 marzo 1635 dichiarava che l'Archimandritato è Prelatura Nullius, cioè diocesi con un proprio territorio ben definito, separato e distinto da quello dell'Arcidiocesi di Messina.

L'Archimandritato oggi

Il terremoto del 1908 distrusse completamente sia la Chiesa che il Monastero del SS. Salvatore, che dal 1866, in seguito alle leggi eversive e la soppressione dei beni ecclesiastici e il loro incameramento, erano stati soppressi e gli edifici erano stati destinati alla caserma della Guardia di Finanza.

In seguito all'unificazione delle diocesi del 1883 e al terremoto, monsignor Angelo Paino, Arcivescovo e Archimandrita, nell'intento di restituire una nuova sede all'Archimandritato del Santissimo Salvatore, costruì nel 1929 la chiesa del Santissimo Salvatore con l'adiacente complesso dell'Oratorio salesiano, in una nuova zona della città. La Chiesa consacrata e dedicata, da monsignor Francesco Fasola nel 1964, è attualmente la concattedrale di Messina.

Unica testimonianza della giurisdizione dell'Archimandritato è idealmente la Parrocchia di Santa Maria del Grafeo (dal greco lettera), disattivata dopo la morte del Papas Daniele Stassi sotto le macerie del terremoto del 1908, e riattivata nel 1997 come prelatura “ad personam” con proprio clero di rito italo-bizantino nell'ambito dell'Arcidiocesi messinese. Recentemente, il sacerdote messinese Roberto Romeo ha pubblicato un'accurata ricerca sull'Archimandritato del SS. Salvatore di Messina, offrendo, per la prima volta, la traduzione italiana delle "Regole generali" del celebre Typikon di San Luca (1131). Lo studio offre un taglio storico-liturgico e porta il seguente titolo: Alle fonti del diritto liturgico orientale: il typikon dell'Archimandritato del SS. Salvatore di Messina (XII secolo).

Mappa interattiva


Strutture nei dintorni
b and b
hotel
residence
Luoghi culturali
teatri
Divertimento e relax
parchi divertimento
Trova nei dintorni
discoteche
ristoranti
Svuota markers Reset mappa
Ti potrebbero interessare anche: MESSINA
Spiaggia Isola Bella
Spiaggia Isola Bella
La Spiaggia Isola Bella di Taormina è forse la spiaggia più bella della cittadina ed è situata proprio di fronte all'Isola Bella, grande circa 1 kmq., ricca di vegetazione e dominata da un antico castello. Si tratta di una spiaggia di ghiaia con qualche ciottolo, per un lungo trat...
Isola di Vulcano
Isola di Vulcano
Vulcano (in siciliano Vurcanu) è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia. Gli abitanti, 715 nel 2001, vengono chiamati vulcanari. Nell'antichità venne chiamata Therasia (Θηρασία), poi Hiera (Ἱ&epsilon...
Spiaggia Marinello
Spiaggia Marinello
La Spiaggia Marinello di Oliveri ha la caratteristica forma di lingua di sabbia ed è protesa verso Milazzo. Formatasi nell'ultimo secolo per il riversamento in mare di materiali solidi, è molto amata per il suo vasto arenile che si estende per circa 2 chilometri verso est, ai piedi dell'...
Isola di Stromboli
Isola di Stromboli
Stromboli (in siciliano Struògnuli, dal greco Στρογγύλη "trottola") è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia. Si tratta di un vulcano attivo facente parte dell'Arco Eoliano. Posta ne...
Isola di Panarea
Isola di Panarea
Panarea è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia. È la più piccola (3,3 km²) e la meno elevata delle Isole Eolie (421 metri nella sua maggiore elevazione, il Timpone del Corvo) e con gli isolotti di Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianc...
Spiaggia Lazzaro
Spiaggia Lazzaro
La Spiaggia Lazzaro di Stromboli è situata sulla costa sud occidentale dell'isola, nei pressi del piccolo villaggio di Ginostra, raggiungibile solamente in barca. Alla spiaggia si arriva passando per una vecchia mulattiera che si allunga sul costone di roccia a strapiombo sul mare, a circa 1,5 ...
Piscinette di Stromboli
Piscinette di Stromboli
Le Piscinette di Stromboli sono situate sulla costa sud occidentale dell'isola, nei pressi del piccolo villaggio di Ginostra. Come quest'ultimo, sono raggiungibili solo via mare attraverso il suo minuscolo porto, il Pertuso, considerato il porto più piccolo del mondo. Si tratta di deliziose cal...
Spiaggia Lena
Spiaggia Lena
La Spiaggia Lena di Stromboli è situata nell'estrema punta sud dell'isola, nei pressi della contrada omonima, quasi disabitata e raggiungibile solo in barca. Si tratta di una spiaggia molto particolare, caratterizzata da un litorale di granito grigio bagnato da un mare blu cobalto e limpidissim...
Spiagge Piscità
Spiagge Piscità
Le Spiagge Piscità di Stromboli sono situate a ridosso della località omonima, sul versante settentrionale dell'isola. Si tratta di un'alternanza di graziose spiaggette caratterizzate da ciottoli vulcanici ed altre da fine sabbia nera, separate l'una dall'altra da colate laviche e lunghe...
Ricerca: Hotel Residence B&B

Cerca per provincia
Hotel nella provincia di Agrigento Hotel nella provincia di Caltanissetta Hotel nella provincia di Catania Hotel nella provincia di Enna Hotel nella provincia di Messina Hotel nella provincia di Palermo Hotel nella provincia di Ragusa Hotel nella provincia di Siracusa Hotel nella provincia di Trapani
Offerta Hotel Messina

Una Terrazza Privata con Vista sulla Baia di Canneto.

Monolocali da 60 €/giorno. 


Hotel con Piscina Marina di Ragusa
Due piscine per immergersi in un'atmosfera serena e rilassata. Scopri le offerte.
Hotel a Palermo. Scopri l'offerta!
Speciale Primavera!
Soggiorni minimo 7 notti, tariffa in pensione completa: € 65,00 per notte, per persona.
Resort Modica. Hotel Ragusa.
Primavera al Parco Archeologico di Cava Ispica. Scopri i dettagli dell'offerta.
Agriturismo a Palermo
Camere sono fornite di servizi con doccia e aria climatizzata regolabile.Visita il sito e scopri i dettagli.
Hotel Valderice. Tutto incluso!!
Speciale Maggio. Offerte tutto incluso a partire da 45 €. Scopri l'offerta. Visita il sito!!
Speciale Residence Sciacca
Vi offriamo 1 settimana per 2 persone con sistemazione residence a 280,00 €.

Hotel sul mare a Mondello
Una villa liberty, a pochi passi dal mare ed a pochi minuti di macchina dal centro città.
Residence sul mare a Messina
Prenota almeno 4 notti a partire dal 21 aprile, in un bilocale al costo di una singola: 36 euro a notte per 2 persone.

SOCIAL

Tel. +39 348 4424285
info@ecocasavacanze.it

    
Eco Casa Vacanze - Partita IVA: 02436410845 - © 2020 Tutti i diritti sono riservati
Powered by Noto Design