Per ricevere ulteriori informazioni vi preghiamo di compilare il modulo qui sotto oppure di scrivere direttamente a info@ecocasavacanze.it.

*I campi indicati con l'asterisco sono obbligatori.



HOME PAGE>COSE DA VEDERE IN SICILIA>CATANIA>MILITELLO IN VAL DI CATANIA

Militello in Val di Catania

Militello in Val di Catania

Militello in Val di Catania (Militeddu in siciliano) è un comune italiano di 7.916 abitanti della provincia di Catania in Sicilia. I loro abitanti sono chiamati militellesi (anticamente erano detti "militellani").

È ricca di monumenti come le chiese, pregevoli palazzi e ville settecentesche, per l'eccezionale valore del suo patrimonio monumentale fa parte dei comuni del Val di Noto, Patrimonio Mondiale dell'umanità.

Militello in Val di Catania si trova nelle estreme propaggini settentrionali dei monti Iblei, a 40 km da Caltagirone e 54 da Catania a cui è collegata dalla Strada Statale 385. È possibile raggiungere Militello anche in treno fino all'omonima stazione situata alla periferia nord del paese, sulla Ferrovia Catania-Caltagirone-Gela.

Storia
Ci sono diverse ipotesi riguardanti la fondazione di Militello, tramandate oralmente e divenute vere e proprie leggende. La più conosciuta di queste è quella dello storico locale Pietro Carrera che narra di come Militello venne fondata ai tempi dei romani, quando i militi di Marco Claudio Marcello durante l'assedio di Siracusa del 212 a.C. cercarono di scampare alla peste. Cercarono rifugio allontanandosi in una collina fuori città, in cui trovare aria salubre e acque limpide; fu così che fondarono la colonia "Militum Tellus" (terra di soldati) che diede il nome al paese; un'altra teoria sostiene che il nome del paese derivi dal colore giallo della pietra locale, quasi color del miele, da cui "Mellis Tellus". Intorno all'abitato ci sono diversi resti di età preistorica, ma la storia certa della città è documentata a partire dall'anno 1000, quando sotto i Cammarana Militello divenne marchesato; successivamente venne ceduta come feudo ai Barresi. Militello visse il suo momento di massimo splendore a cavallo tra il XVI e il XVII secolo sotto il regno del Principe Don Francesco Branciforte, che si adoperò per abbellire la città con chiese e palazzi di pregio. Tra questi vanno ricordati la chiesa della Madonna della Catena, il Monastero dei Benedettini e la fontana della ninfa Zizza del 1607. Il disastroso terremoto del 1693 distrusse però tante altre opere d'arte. La ricostruzione successiva, tuttavia, portò alla realizzazione di gioielli di grandissimo valore, come la chiesa di San Nicolò - SS. Salvatore del 1721 e la chiesa della Madonna della Stella del 1722 e molti palazzi nobiliari che hanno permesso a Militello di ottenere il riconoscimento UNESCO nel 2002.

Biblioteca comunale Angelo Majorana

Istituita nel 1910, ne fu fondatore il direttore didattico Giuspeppe Musumeci Ristagno. Essa possiede un patrimonio librario pari a circa 40.000 volumi con un fondo antico di oltre 2.000 volumi che vanno dalla fine del XIII agli inizi del XX secolo,a cui si aggiunge una fornitissima raccolta di dischi,compact-disc e videocassette custodite in una sala multimediale dove può accogliere 9 utenti simultaneamente e il numero degli iscritti al prestito è di circa 2.500.

Musei e gallerie

    Museo ed Archivio civico "Sebastiano Guzzone" inaugurato il 5 agosto del 2007;
    Museo d'arte Sacra "San Nicolò" inaugurato nel 1985. È ospitato nelle cripte di sepoltura della Chiesa Madre, edificata nel 1721. Il suggestivo allestimento evidenzia il valore e la bellezza degli oggetti: una ricca collezione di paramenti liturgici dei secoli XVII-XVIII, i tesori di alcune chiese cittadine tra cui spiccano gli argenti della Chiesa di S. Maria alla Catena, i gioielli, gli ex voto ed il corredo liturgico di S. Agata. Chiude la visita la Pinacoteca con la pala dell'Annunciazione di Francesco Franzetto (1555), l'Attentato a S. Carlo Borromeo del toscano Filippo Paladini (1612) caratterizzato dal luminismo caravaggesco, e la dolce Immacolata di Vaccaro;
    Museo d'arte Sacra "Santa Maria della Stella" inaugurato nel 1988;
    Museo d'arte moderna "Antonio Cannata";
    Galleria d'arte "Baldanza" inaugurato il 27 aprile del 2007.


Istituita nel 1910, ne fu fondatore il direttore didattico Giuspeppe Musumeci Ristagno. Essa possiede un patrimonio librario pari a circa 40.000 volumi con un fondo antico di oltre 2.000 volumi che vanno dalla fine del XIII agli inizi del XX secolo,a cui si aggiunge una fornitissima raccolta di dischi,compact-disc e videocassette custodite in una sala multimediale dove può accogliere 9 utenti simultaneamente e il numero degli iscritti al prestito è di circa 2.500.
Musei e gallerie

    Museo ed Archivio civico "Sebastiano Guzzone" inaugurato il 5 agosto del 2007;
    Museo d'arte Sacra "San Nicolò" inaugurato nel 1985. È ospitato nelle cripte di sepoltura della Chiesa Madre, edificata nel 1721. Il suggestivo allestimento evidenzia il valore e la bellezza degli oggetti: una ricca collezione di paramenti liturgici dei secoli XVII-XVIII, i tesori di alcune chiese cittadine tra cui spiccano gli argenti della Chiesa di S. Maria alla Catena, i gioielli, gli ex voto ed il corredo liturgico di S. Agata. Chiude la visita la Pinacoteca con la pala dell'Annunciazione di Francesco Franzetto (1555), l'Attentato a S. Carlo Borromeo del toscano Filippo Paladini (1612) caratterizzato dal luminismo caravaggesco, e la dolce Immacolata di Vaccaro;
    Museo d'arte Sacra "Santa Maria della Stella" inaugurato nel 1988;
    Museo d'arte moderna "Antonio Cannata";
    Galleria d'arte "Baldanza" inaugurato il 27 aprile del 2007.

Chiese

    Santuario di Maria SS. della Stella, Patrona della Città di Militello in Val di Catania, del XVIII secolo; tra i numerosi capolavori troviamo; una pala d'altare di Olivio Sozzi; un dipinto di Vito D'Anna intitolato "Viso di Maria".Maria SS. della Stella - Edificata tra il 1722 ed il 1741, possiede un bel portale incorniciato da colonne tortili. All'interno è conservata una magnifica pala d'altare di Maria SS. della Stella - Edificata tra il 1722 ed il 1741, possiede un bel portale incorniciato da colonne tortili. All'interno è conservata una magnifica pala d'altare di Andrea della Robbia in terracotta invetriata e raffigurante la Natività (1487). lI Tesoro conserva una bella pala della fine del Quattrocento raffigurante momenti della vita di S. Pietro, opera del Maestro della Croce di Piazza Armerina ed il Ritratto di Pietro Speciale, bassorilievo di Francesco Laurana.
    Chiesa Madre di San Nicolò e del Santissimo Salvatore, del XVIII secolo all'interno si può ammirare "La Predicazione di San Nicolò", pala d'altare del XVIII secolo di Vito D'Anna;
    Abbazia di San Benedetto, del XVII secolo; all'interno dell'unica navata si trovano capolavori di eccezionale fattura come "L'ultima comunione di San Benedetto" dipinto di Sebastiano Conca;
    Chiesa di Santa Maria la Vetere, con portale del 1506 di Antonello Gagini; Crollata con il terremoto del 1693, conserva solo la navata laterale destra (murata). La facciata, con protiro cinquecentesco, ha un bel portale con bassorilievi nella lunetta.
    Chiesa della Madonna della Catena, del XVII secolo, con edicola cinquecentesca; questo oratorio venne riedificato nel 1652. L'interno presenta una bella decorazione a stucchi di artisti di Acireale con scene dei Misteri Gaudiosi nel registro superiore e statue di sante siciliane incorniciate da putti, festoni e cornucopie in quello inferiore. A completare l'insieme, un bel soffitto ligneo a cassettoni del 1661.
    Chiesa del SS. Sacramento al Circolo, del 1724, su progetto di Antonino Scirè;
    Chiesa di Sant'Antonio di Padova, con campanile del 1719;
    Chiesa dei Santissimi Angeli Custodi, della seconda metà del XVIII secolo, con pregevole pavimento in ceramica;
    Chiesa di San Giovanni Battista;
    Chiesa del Calvario del XVII secolo;
    Chiesa di San Sebastiano, del 1504;
    Chiesa del Purgatorio del 1613;
    Chiesa di Sant'Agata del 1578;
    Chiesa di San Domenico del 1515;
    Chiesa di San Francesco D'Assisi di cui non sappiamo la data originale ma si dice dal padre Maestro Filippo Cagliola che fu fodata nel 1235 forse fondato da fra' Paolo da Venezia, discepolo dello stesso San Francesco d'Assisi;
    Chiesa di Santa Maria degli Angeli del 1575;
    Chiesa di San Leonardo di cui abbiamo la data in cui furono terminati i lavori e la consegnata agli Agostiniani nel 25 maggio 1631;
    Chiesa di Santa Maria dello Spasimo del 1517;
    Chiesa del Calvario del 1601 posizionata a 500m dall'antico abitato;
    Chiesa di Santa Maria delle Grazie del 1504;
    Chiesa di San Vito di cui abbiamo solo un atto del 1504 a firma del notaio Giovanni Rimasuglia;
    Chiesa di Santa Croce della metà del quattrocento;
    Chiesa di Santissimo Crocifisso al Franco;
    Chiesa di San Francesco di Paola.

Lista delle Chiese scomparse

    Chiesa di Santa Barbara: questa chiesa si trovava sul un pianoro, il quale prese il nome dalla chiesa, non lontano dalla vecchia Militello. Fu distrutta da un terremoto nel 1693 ed oggi non ne restano tracce.
    Chiesa di Santa Maria dell'Itria: fu costruita nel 1538 ad est del paese ed ospitava la Confraternita dell'istria. Dalla fine del Cinquecento non se ne hanno più notizie.
    Chiesa di San Pietro e Paolo: fu edificata nel Quattrocento e demolita negli anni sessanta per fare spazio a una piazza. Di questa chiesa resta soltanto un altare.
    Chiesa di Santa Margherita: citata in un testamento del 1500, all'inizio dell'Ottocento già non ve ne era quasi più traccia a parte qualche rovina.
    Chiesa di Dell'Annunziata: questa chiesa campestre situata lungo la strada per Scordia Soprana fu smantellata verso il 1750.
    Chiesa di Madonna della Misericordia: anche questa chiesa fu demolita attorno al 1750; di essa resta solo una traccia in un documento.
    Chiesa di Portosalvo: cole la precedente, fu demolita nel 1750 e le uniche tracce rimaste si trovano in un decreto di aggregazione delle proprietà alla Chiesa Madre.
    Chiesa di Santa Caterina: probabilmente si trattava della cappella del Castello.
    Chiesa di Sant'Antonio Abate: questa chiesetta fu demolita assieme ad altre costruzioni adiacenti a seguito dei lavori per la costruzione della canonica dell'attuale parrocchia di Santa Maria della Stella.
    Chiesa di Santa Sofia: si trovava nei pressi del Castello.
    Chiesa Madre di San Nicolò (il Vecchio): questa chiesa fu rasa al suolo dal terremoto del 1693; al suo posto ora sorgono delle abitazioni situate in largo San Nicolò in Vecchio.
    Chiesa di Santa Maria della Scala: questa piccola cappella era situata all'intreno di una cavità naturale sul fianco di una rupe, a sud del paese; la festa della Cappella veniva celebrata ogni anno il 21 novembre, fino alla fine dell'Ottocento.
    Chiesa di Conventazzo: se ne conosce solo il nome.

Monasteri

    Monastero di San Benedetto, del 1614 è il 3º monastero piu grande della Sicilia dopo quelli di Monreale e Catania oggi il monastero è sede del Comune.L'imponente complesso (1614-1641), possiede una facciata decorata. L'attigua chiesa è caratterizzata, nel prospetto, da un elemento decorativo tipico del barocco militellese, il bugnato a graticcio del finestrone. All'interno si possono ammirare l'Ultima Comunione di S. Benedetto, tela di Sebastiano Conca (terza cappella a sinistra) ed un bel coro ligneo con la raffigurazione dei Misteri e scene della vita di S. Benedetto (1734).

Palazzi

    Castello Barresi - Branciforte, di cui rimangono solo l'arco di ingresso, una torre, il bastione del lato sud e qualche rudere sul lato nord-est;
    Fontana della Ninfa Zizza; anticamente inglobata nel castello, la fontana venne edificata nel 1607 per commemorare l'apertura del primo acquedotto di Militello, promosso dal Branciforte.
    Palazzo Baldanza-Denaro, del XVII secolo, attualmente sede dell'Associazione Turistica Pro Loco;
    Palazzo Niceforo, del XVIII secolo;
    Palazzo Baldanza; del XVIII secolo;
    Palazzo Majorana della Nicchiara (o dei Leoni);Una delle poche testimonianze di epoca cinquecentesca, con massicci cantonali a bugnato arricchiti da leoni in pietra.
    Palazzo Tineo;
    Palazzo Iatrini
    Palazzo Liggieri (ex Reforgiato)
        Palazzo Reburdone;
    Palazzo Reina;
    Palazzo Sciannaca, dove il 7 giugno del 1936 nasce Pippo Baudo

Personalità legate a Militello in Val di Catania
    Giovan Battista Baldanza (Militello, secolo XVII) scultore e pittore;
    Pippo Baudo, conduttore televisivo;
    Vincenzo Branciforti (Militello, 1584 - ivi, 1620) religioso, poeta e musicista
    Giovanni Burtone, parlamentare nazionale;
    Antonio Cannata, pittore contemporaneo, presente nelle gallerie più importanti del mondo;
    Pietro Carrera, presbitero, storico e poeta;
    Sebastiano Di Fazio, storico e docente universitario;
    Luigi Finocchiaro, (Gino Finocchiaro) fisarmonicista, discografico;
    Paolo Fucile, atleta, lotta greco romana, presente alle olimpiadi di Atene del 2004
    Sebastiano Guzzone (Militello, 13/9/1856 - Firenze, 11/2/1890) pittore;
    Antonio Lo Presti, politico e sindaco per 3 legislature;
    Santo Marino, pittore;
    Antonino Francesco Montecassino (New York, 9/4/1916 - 28/6/2007) musicista e compositore;
    Nello Musumeci, ex parlamentare europeo, presidente della Provincia di Catania e sottosegretario del Lavoro;
    Vincenzo Oliva, parlamentare nazionale;
    Franco Trincale, cantastorie;
    Majorana Calatabiano: diversi esponenti della famiglia Majorana Calatabiano, originaria di Militello, si distinsero nella vita politica e culturale tra la seconda metà del XIX e la prima metà del XX secolo.


Mappa interattiva


Strutture nei dintorni
b and b
hotel
residence
Luoghi culturali
biblioteca
Divertimento e relax
parchi divertimento
Trova nei dintorni
discoteche
ristoranti
Svuota markers Reset mappa
Ti potrebbero interessare anche: CATANIA
Spiaggia Praiola di Giarre
Spiaggia Praiola di Giarre
La Spiaggia Praiola di Giarre è incastonata nel tratto costiero del Chiancone, che si presenta come una vasta area coltivata solcata da diversi torrenti. Si tratta di una bella spiaggia di origine vulcanica contornata da un costone di tufo di notevole valore paesistico, bagnata da un bel mare a...
La Playa di Catania
La Playa di Catania
La Plaia di Catania è la spiaggia tradizionale della città, situata nella prossima periferia di Catania e facilmente raggiungibile tramite la SS114, seguendo le indicazioni che portano al mare. Si tratta di una lunga ed ampia spiaggia di sabbia dorata bagnata da un mare blu che digrada d...
Spiaggia Foce Simeto
Spiaggia Foce Simeto
La Spiaggia Foce Simeto di Catania si sviluppa completamente all'interno della Riserva Naturale Oasi del Simeto, raggiungibile facilmente tramite la SS114 da Augusta in direzione Catania, seguendo le indicazioni per l'Oasi, ben visibili prima di entrare in città, ove si lascia l'auto e si prose...
Spiaggia San Marco Calatabiano
Spiaggia San Marco Calatabiano
La Spiaggia San Marco di Calatabiano si distende nell'area costiera a sud della foce del fiume Alcantara, immersa in un'area di alta valenza naturalistica tra la foce dell'Alcantara e quella del fiume Fiumefreddo, ben conservata grazie anche al fatto che non vi è mai stata realizzata una strada...
Spiaggia del Mulino di Acireale
Spiaggia del Mulino di Acireale
La Spiaggia del Mulino di Acireale si trova in un tratto del costone roccioso della Timpa, protetto da una riserva naturale e ricoperto da una rigogliosa vegetazione a macchia mediterranea. Tutta la costa è raggiungibile tramite sentieri impegnativi, e anche raggiungere la spiaggia del Mulino h...
Museo del Cinema
Museo del Cinema
Nel primo quindicennio del ‘900 Catania divenne nota per essere sede di case di produzione cinematografica. Per tramandare la memoria di quella fortunata stagione creativa, la Provincia Regionale di Catania ha istituito il Museo del Cinema, affidando all’architetto François Confino...
Museo Paleontologico
Museo Paleontologico
L'Accademia Federiciana ha intensificato anche l'attività scientifica, concentrandosi in particolare sulla paleontologia e sulla paletnologia. Sin dalla fondazione (1996), nella sede è esposta, allo scopo di illustrare brevemente alcuni momenti significativi della storia geo-paleontologi...
Casa Museo di Giovanni Verga
Casa Museo di Giovanni Verga
Via Sant'Anna, angusta e chiassosa, si trova nel cuore della vecchia Catania, poco distante da piazza Duomo. Qui, al n.8, in una vetusta dimora a tre piani del tardo settecento, in attesa di restauro, di nobile famiglia, nacque e morì Giovanni Verga. Qui, come recita la lapide posta al 2° p...
Museo civico belliniano
Museo civico belliniano
Il Museo civico belliniano è un museo con sede a Catania, ospitato nelle sale del primo piano del Palazzo Gravina Cruyllas, una delle tante nobili residenze dei Principi di Palagonia, in piazza San Francesco, di fronte all'omonima chiesa, insieme al Museo Emilio Greco. Occupa la casa in cui il...
Ricerca: Hotel Residence B&B

Cerca per provincia
Hotel nella provincia di Agrigento Hotel nella provincia di Caltanissetta Hotel nella provincia di Catania Hotel nella provincia di Enna Hotel nella provincia di Messina Hotel nella provincia di Palermo Hotel nella provincia di Ragusa Hotel nella provincia di Siracusa Hotel nella provincia di Trapani
Offerta Hotel Messina

Una Terrazza Privata con Vista sulla Baia di Canneto.

Monolocali da 60 €/giorno. 


Hotel a Palermo. Scopri l'offerta!
Speciale Primavera!
Soggiorni minimo 7 notti, tariffa in pensione completa: € 65,00 per notte, per persona.
Hotel con Piscina Marina di Ragusa
Due piscine per immergersi in un'atmosfera serena e rilassata. Scopri le offerte.
Residence sul mare a Messina
Prenota almeno 4 notti a partire dal 21 aprile, in un bilocale al costo di una singola: 36 euro a notte per 2 persone.
Speciale Residence Sciacca
Vi offriamo 1 settimana per 2 persone con sistemazione residence a 280,00 €.
Resort Modica. Hotel Ragusa.
Primavera al Parco Archeologico di Cava Ispica. Scopri i dettagli dell'offerta.

Hotel sul mare a Mondello
Una villa liberty, a pochi passi dal mare ed a pochi minuti di macchina dal centro città.
Hotel Valderice. Tutto incluso!!
Speciale Maggio. Offerte tutto incluso a partire da 45 €. Scopri l'offerta. Visita il sito!!
Agriturismo a Palermo
Camere sono fornite di servizi con doccia e aria climatizzata regolabile.Visita il sito e scopri i dettagli.

SOCIAL

Tel. +39 348 4424285
info@ecocasavacanze.it

    
Eco Casa Vacanze - Partita IVA: 02436410845 - © 2019 Tutti i diritti sono riservati
Powered by Noto Design